One day you'll leave this world behind so live a life you will remember

Recent Posts

Samaín

Samaín

Perdonate il ritardo con cui è uscito questo articolo, ma volevo spiegarvi bene le tradizioni e le credenze popolari che possiamo trovare in Galizia riguardo questa festa. Mi sono informata il più possibile e ho cercato di riassumere, più o meno le credenze, che girano […]

Com’è la vita di una Au Pair?

Com’è la vita di una Au Pair?

Moltissimi di voi mi hanno chiesto come fosse la mia vita qui e che facessi durante le mie giornate, quindi oggi vorrei parlarvi della mia vita qui come au pair.  Io fino a qualche anno fa neanche sapevo cosa fosse una au pair. Partiamo dall’inizio: […]

Islas Cíes, un paradiso a pochi minuti dalla Spagna.

Islas Cíes, un paradiso a pochi minuti dalla Spagna.

In queste settimane mi state dando tantissime soddisfazioni. Moltissimi di voi mi chiedono di essere più presente sia su instagram che sul blog. Purtroppo è passato solo un mese da quando sto qui è devo riprendere un secondo in mano i miei orari e tempi. Due settimane fa vi avevo detto che sarei stata più presente sul blog senza pensare che per cinque giorni non avrei avuto il Wi-Fi.
Dovrei imparare a prendere il blog come un diario da scrivere, se non tutte le sere, quasi tutte.
Il problema è che ora ho imparato (più o meno) a editare le foto come piacciono a me, (tutti quelli che mi conoscono sanno che non amo le foto modificate, ma da quando ho scoperto lightroom mi sono innamorata sul serio di ciò che può fare), ma non so come imparare a montare i video e sopratutto come imparare a girarli, perché so tagliare e mettere insieme i vari pezzi e mi dovrò concentrare sulle musiche, ovviamente, però a volte non mi piacciono le immagini che catturo o non mi convincono al cento per cento. Questo credo che sia dovuto soprattutto al fatto che ho uno standard molto alto, nel senso vedo i video perfetti di alcuni youtuber e penso che voglio fare video di quel genere… non pensando che, quando hanno iniziato, anche loro non avevano tutta la 
tecnica e la praticità che hanno ora…
Probabilmente devo solo buttarmi e cercare di dare il meglio di me anche in questo.
In tutto ciò dovrei laurearmi a breve e dico dovrei perché lo saprò solo 20/25 giorni prima della data stabilita 😒
Comunque scrivo questo articolo per parlarvi di un posto dove sono stata due settimane fa. Volevo mettere le foto su ig, ma sono veramente troppo estive quindi le metterò dopo Natale, credo (avevo programmato di metterle subito, ma qui l’autunno mi sta piacendo talmente tanto che non ho il coraggio di mettere tutto questo blu ora nel profilo. Premesso che io odio il freddo e la pioggia, ma in colori che ci sono ora per strada mi sorprendono sempre di più ).

ISLAS CIES:
Non avevo mai sentito parlare della città di Vigo è ho scoperto della sua esistenza solo grazie al fatto che ho conosciuto questa famiglia. Qualche giorno prima di partire mia zia mi ha detto che aveva visto questa città in tv perché parlavano dei paesaggi che si possono trovare nella zona e soprattutto di un’isola che si trova molto vicina alla città. L’isola in questione è l’isola di Cíes: mi sono informata e ho deciso IMMEDIATAMENTE di prendere il biglietto e di passare una giornata li. Le spiagge di quest’isola sono state classificate tra le 10 migliori spiagge nel mondo dal The Guardian, se non erro.
Sono rimasta incantata… infatti nella mia classifica, questo posto, potrei metterlo direttamente sotto Bali( per i paesaggi).
Un’isola TOTALMENTE deserta: non c’è nulla: solo oceano, vegetazione, due fari, un camping e un bar/ristorante per i turisti.
Ovviamente i turisti sono tantissimi tanto che l’ente del turismo ha posto un limite al numero di persone consentite ogni giorno, sull’isola, durante il periodo estivo. A proposito di questo vi posso dire che non so quanti italiani c’erano quel giorno, una cosa impressionante. 
Comunque arrivare alle isole è molto semplice ed economico, il problema è che ci si può andare solo in nave quindi non ci si può arrivare tutto l’anno, a causa delle condizioni meteo.
Per esempio da giugno a settembre ci sono viaggi tutti i giorni più volte al giorno, mentre da ottobre il ritmo cala in po’, tant’è che quando ho visto la prima volta ke date per prendere i biglietto c’era la possibilità di andare fino al 12 ottobre, ricontrollando dopo avevano messo date per tuto otrobre.
Il biglietto costa 16 euro andata e ritorno e si può comprare su Internet o alla stazione marittima di VIgo, il viaggio dura circa mezz’ora e la nave è piuttosto confortevole.
Inoltre esattamente di fronte al piccolo porticciolo dell’Isola si trova un bar/ristorante, se non erro, sull’isola ce ne sono due, ma non ci giurerei.
Sull’isola c’è anche un camping che potrete trovare tranquillamente su Internet. È molto grande e mi sembra ben attrezzato.
Per il resto non c’è nulla, io non amo i posti troppo turistici, quindi se anche voi siete come me probabilmente eviterei di andarci a luglio/agosto, però quando ci sono stata io nonostante i tantissimi turisti si stava veramente bene.
I passaggi sono mozzafiato e l
e sensazioni che ho provato io non sono neanche immaginabili. Sarà che il mare e l’acqua in generale sono il mio elemento, ma quando arrivi al faro e vedi quell’immensa distesa blu ti si apre il cuore. Penso di aver provato una sensazione così solo a Bali. Per me Bali non si tocca, ma queste isole credo che meritino di essere viste almeno una volta nella vita.

      
Non sono stata rapita dagli alieni…o forse sì!

Non sono stata rapita dagli alieni…o forse sì!

Finalmente sono di nuovo qui, scusate l’assenza, ma se mi seguite su instagram già saprete il perché della mia sparizione. Solo oggi ho trovato un po’ di tempo per me e ricomincio a scrivere. Sono nella biblioteca centrale qui a Vigo, sono venuta per rilassarmi […]

Ripari di Giobbe…un altro paradiso abruzzese.

Ripari di Giobbe…un altro paradiso abruzzese.

Oggi vi mostro uno dei miei luoghi preferiti del mio bellissimo Abruzzo, tra poco tornerò sulla serie di Bali, ma prima devo raccontarvi un po’ di cose più recenti ed un mio progetto vicinissimo che vi svelerò tra un paio di articoli. Ho sempre ritenuto […]

Florence in Love II

Florence in Love II

Eccomi tornata con la serie di Firenze dopo più di un mese che sono tornata, che bello dover scrivere la tesi per tutta l’estate 😒

Giorno 2

Eccoci al secondo giorno nella stupenda Firenze. Nell’articolo precedente, che potete trovare qui, vi ho parlato di cosa abbiamo fatto quando siamo arrivati. Non abbiamo avuto molto tempo quel giorno perché siamo arrivati alle 14:30, ma il giorno dopo lo abbiamo sfruttato al cento per cento.

Abbiamo visitato la Chiesa di San Marco che si trova proprio vicino al nostro b&b, inoltre accanto alla chiesa c’è un museo citato tra i musei gratis aperti durante la prima domenica del mese… beh quella domenica, sei agosto, era chiuso. Quindi abbiamo saltato quel museo e ci siamo diretti a Palazzo Davanzati, dove si può trovare il Museo della Casa fiorentina. La costruzione di questo palazzo risale circa al 1300 e nel 1578 fu acquistato dal mercante mecenate, Bernardo Davanzati. Il museo è caratterizzato da pareti affrescate, scale maestose e ricostruisce perfettamente la vita quotidiana dell’epoca. La facciata del Palazzo ci fa subito entrare in un’altra epoca, sembra quasi una torre medievale. Al piano terra possiamo trovare un loggiato aperto che porta al cortile interno. Ho adorato questo museo perché sembra di essere davvero in un’altra epoca e sembra che tu sia il protagonista, è bello vedere i mobili che custodiscono i piatti antichi e le tavole allestite come si usava all’epoca. I colori del palazzo sono bellissimi, alcune stanze hanno delle pareti magnifiche, per esempio una sala ha le pareti tutte blu con disegni dorati. L’unica cosa che mi è dispiaciuta è stata che abbiamo perso tempo per andare al museo San Marco, chiuso, e siamo arrivati tardi per salire al terzo piano che mi hanno detto tutti che dev’essere magnifico.

 

 

Poi da lì ci siamo spostati e siamo andati a vedere Ponte Vecchio, di cui mi sono innamorata e Palazzo Vecchio, purtroppo abbiamo fatto lo sbaglio di andare la prima domenica del mese pensando di poter girare tutta la città e i musei, ma c’era veramente troppa fila in ogni museo o chiesa, quindi abbiamo dovuto evitare anche di entrare a Palazzo Vecchio perché avremmo perso tutta la giornata.

  

Passeggiando siamo entrati al Disney store e ci siamo imbattuti nella Chiesa di San Filippo Neri e poi siamo entrati nel Museo del Bargello, che si trova nel centro storico di Firenze. La sua costruzione iniziò nel 1255 e dopo aver ospitato il capitano del popolo, il podestà ed il consiglio di giustizia nel 1574 divenne la sede del capitano di giustizia, infatti fu utilizzato come carcere per circa tre secoli.
Il cortile interno è veramente stupendo, pieno di archi ed  i suoi muri sono ricoperti da dozzine di scudi dei vari Podestà e Giudici di Ruota, da qui una scala ci porta al primo piano da dove, percorrendo un loggia, si può entrare in una stanza del museo.

 

Dal 1859 nel palazzo si trova il Museo Nazionale dove si trovano molte sculture del Rinascimento ed alcune opere di artisti minori, tra gli artisti che ricordiamo ci sono Donatello, Luca della Robbia, Verrocchio, Michelangelo e Cellini. Nel museo possiamo trovare anche collezioni di bronzi, maioliche, cere, smalti, medaglie, sigilli, avori, arazzi, mobili e tessuti provenienti dalle collezioni del Medici ed alcuni oggetti di collezioni private.

Noi siamo stati molto fortunati a trovare la mostra La fabbrica della bellezza: le statue di Ginori in mostra al museo del Bargello. È veramente una mostra che merita tantissimo, ma purtroppo non si possono fare foto.

Dopo aver visto questo splendido museo siamo andati a visitare i giardini di Boboli da cui è possibile ammirare tutta la città. Sono immensi, dopo aver terminato il giro si può ammirare un edificio chiamato grotta, che è veramente imponente, inoltre si trovano proprio dietro a Palazzo Pitti, infatti per arrivare ai giardini si deve passare nel palazzo, purtroppo noi non abbiamo fatto in tempo a visitarlo perché i musei chiudono molto presto.

Per finire siamo passati per Ponte Vecchio per tornare al nostro b & b e ci siamo fermati a vedere la statua del porcellino. La statua di un cinghiale che sembra che se lo accarezzi porti fortuna, si trova accanto al mercato generale di Firenze.
La sera abbiamo mangiato in una bellissima osteria vicino al mercato Osteria Pepò, non vi dico che cibo magnifico che abbiamo mangiato. Poi, dopo cena, abbiamo fatto una passeggiata al duomo, che di notte è imperdibile. Per non di Piazza della Repubblica, che con la sua tipica giostra illuminata è spettacolare.

 

Firenze mi è piaciuta molto e ve la consiglio al cento per cento. Spero di far uscire la nuova ed ultima “puntata” la settimana prossima.

Fatemi sapere che ne pensate e se ci siete stati💗
Giulia🌊

 

Fotolibro Saal Digital- Recensione

Fotolibro Saal Digital- Recensione

Tatata- Pubblicità.  Come vi avevo accennato vorrei provare a mantenere un ritmo di tre articoli a settimana, di cui quello della domenica dedicato alle collaborazioni. Purtroppo con questa tesi e con alcuni preparativi, che vi svelerò tra una decina di giorni, non riesco sempre a […]

Punta Aderci, il paradiso dell’Abruzzo

Punta Aderci, il paradiso dell’Abruzzo

Oggi vi parlo della mia spiaggia preferita in Abruzzo, la Riserva Naturale Regionale di Punta Aderci. Ho scoperto questa spiaggia un po’ per caso, pensando che fosse la classica spiaggia sassosa da vedere, ma alla fine che non fosse nulla di che. Invece ho trovato […]

Custodia Ivoler- Recensione

Custodia Ivoler- Recensione

Oggi vorrei parlarvi del prodotto migliore se non avete la possibilità di acquistare una go pro o un’altra action cam. Ho visto spesso questa custodia, nei parchi acquatici, al mare o in spiaggia, ma non mi sono mai fidata molto, poi ho avuto la possibilità di collaborare con questo venditore amazon e sono rimasta davvero soddisfatta!

Sono stata al mare qualche giorno fa e l’ho sfruttata tantissimo, è realmente e totalmente impermeabile.
È davvero comodissima e ben fatta, è totalmente in plastica e la chiusura

è molto particolare in modo da sigillare completamente lo smartphone. La sensibilità è davvero buona così è possibile utilizzarla molto facilmente in acqua. Io, infatti, ho girato alcuni video e scattato delle foto senza nessun problema col touch screen. Ovviamente, per precauzione, prima di utilizzarla in mare l’ho immersa in acqua con il cartoncino che si trova all’interno quando arriva la custodia.

A me sono arrivate due custodie, perché il prodotto viene venduto così, con i rispettivi laccetti per evitare di perdere

il cellulare. Inoltre si illuminano al buio, penso che sia molto utile per le acque più scure, anche se ogni telefono ha un tot di pressione che non può superare, quindi questa è l’unica cosa che vi raccomando, non andate troppo in profondità.

Le foto fatte con la custodia sono perfette, non hanno il minimo accenno di opacità o abbassamento della qualità. Questi sono due esempi che volevo farvi vedere perché la qualità di queste custodie mi è davvero piaciuta molto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giulia🌊

 

Relax per due: un giorno alla spa

Relax per due: un giorno alla spa

 Se mi seguite sui social, soprattutto su instagram, saprete benissimo che un mese fa io e Daniele abbiamo fatto l’anniversario. Il mio regalo è stato portarlo ad una spa poco distante da casa mia e veramente bellissima. Abbiamo passato la giornata e la sera lì […]