Dal 2011, TWB ha aumentato la quantità di lingue con cui lavora, arrivando a più di 190 coppie di lingue, attualmente lavora con circa 4000 traduttori volontari professionisti, che diffondono più di 40 milioni di parole nell’ambito di una risposta alla crisi umanitaria e dei programmi per la salute e l’istruzione nei paesi in via di sviluppo.

Oggi è molto importante sensibilizzare le persone su questo tema, soprattutto perché spesso il supporto che riceve un’organizzazione dipende da quanto essa è conosciuta!

Per aiutarli e spargere la voce (in qualunque lingua) tutto quello che si deve fare è postare un selfie o una foto che contenga la t-shirt e la spilla di TWB usando gli hashtag #LanguageMatters o #TranslationMatters su qualunque piattaforma social che sia Facebook, Twitter e Instagram.  Potete anche menzionare:

@translatorswb su Instagram;

@Translatorswithoutborders su Facebook;

@TranslatorsWB su Twitter.

Se volete sapere di più su questa organizzazione basta dare un’occhiata al loro sito: Translators without Borders.