One day you'll leave this world behind so live a life you will remember

Oporto in poco più di 48 ore.

Oporto in poco più di 48 ore.

È un mese che cerco di scrivere un articolo decente su Oporto, per parlarvi dei costi e della città come mi avete chiesto rispondendo alle storie sul mio profilo ig.

Oporto è sempre stata una città che avrei voluto visitate perché tutti mi hanno sempre parlato del Portogallo come una nazione carina e vivace quindi vivendo a pochi passi dal confine mi sembrava stupido non visitare, almeno un po’, questa  nazione. Per quanto mi riguarda a me non ha fatto impazzire, saranno state le condizioni meteo sfavorevoli o il fatto che venivo da Barcellona, ma non mi ha trasmesso tutta la magia di cui parlavano le altre persone.
Ci sono andata con l’idea di vedere una città nuova, ma senza nessuna aspettativa. Infatti non ho avuto neanche il tempo di organizzare i giri da fare e, se non fosse stato per una ragazza che mi segue su ig, non avrei visto nulla. È una città molto piccola infatti l’ho vista quasi tutta in meno di 48 ore ed anche abbastanza con calma.

Ho soggiornato in un hotel molto vicino al centro che si chiama Grande Rio. Ho pagato 30 euro per due notti in camera doppia e bagno privato in camera, colazione esclusa. Ho prenotato solo 10 giorni prima, infatti al momento della prenotazione mi trovavo a Barcellona. L’hotel merita davvero tanto, il personale è gentilissimo, la camera era molto grande e pulita…io credo che meriterebbe molto più di quanto ho pagato in realtà.

Oporto è una città abbastanza economica, si gira tranquillamente in due giorni. Io sono stata lì due notti e tre giorni, di cui due mezze giornate. Se escludiamo che la prima mezza giornata l’ho passata in un centro commerciale (come avrete visto nelle storie di instagram) cercando un paio di scarpe per sostituire le mie che si sono rotte all’uscita dell’aereo e che quel giorno diluviava possiamo dire che l’ho vista tutta in un giorno e mezzo.
Le uniche cose che non ho fatto sono state salire sulla torre dei clerici, fare il giro del fiume in barca e andare al palazzo di cristallo. Tutto a causa del tempo pessimo che ho trovato.

 

 

 

Il mio itinerario è stato davvero molto semplice: ho seguito la mappa e mi sono fatta trasportare dal flusso di gente. Partendo dall’hotel sono arrivata nel centro di Oporto che comincia, se così possiamo dire, dal Palazzo del consiglio. Dopo una breve sosta ho continuato a camminare verso il Mercado de bolhão, che è un mercato enorme a due piani dove si può trovare di tutto, dai souvenir ai generi alimentari, qualunque cosa stiate cercando la troverete tranquillamente lì.

 

Proseguendo sulla stessa strada mi sono trovata davanti ad un capolavoro, la Capela das almas. Era la classica cosa che mi aspettavo di trovare ad Oporto, queste chiese tutte ricoperte di azulejos, infatti, sono tipiche del Portogallo e le avevo viste in moltissime foto.  Si trova all’incrocio con la Rua Santa Catarina, via dello shopping nel centro di Oporto.

 

 

Percorrendo la Rua Santa Catarina sono passata davanti al Cafè Majestic. I veri fan di Harry Potter sicuro sapranno di cosa sto parlando. La Rowling, infatti, era solita passare le mattine a scrivere in questo famoso e suggestivo bar, poiché ha vissuto due anni ad Oporto. Io mi sono rifiutata di entrare per una semplice ragione… NOVE EURO un caffè.  Però alla fine credo che per un pranzo ne potrebbe valere la pena. Continuando sempre su questa strada ho trovato la bellissima Igreja de s. Ildefonso, è una chiesa bellissima e molto suggestiva al suo interno.

Da lì mi sono diretta alla stazione di Oporto, sono rimasta sconvolta, è stupenda. Non è molto grande, ma al suo interno anch’essa è piena di azulejos. Non so cosa ho provato di preciso, un misto di ammirazione e stupore, ma è veramente una cosa da non perdere se si visita questa città. Quasi di fronte la stazione ho trovato la Igreja de Congregados, anch’essa bellissima. A pochi passi da qui c’è la Igreja dos Clérigos, con la torre da qui c’è una vista bellissima di Oporto…a meno che non ci sia nebbia e diluvio universale.

 

                                                           

 

Proprio dietro la igreja dos Clerigos c’è un posto tipico dove fanno crocchette di baccalà che si chiama Casa portuguesa do pastel de bacalhau. Una crocchetta grande costa 4€, ci sono di baccalà e formaggio o solo baccalà, vi giuro che è stata una delle cose più buone che abbia mai provato in vita mia. Assolutamente da provare. Accanto a questo posto c’è la Casa Oriental dove, se non sbaglio, vendono sardine di tutti i tipici che, a quanto pare sono tipiche di Oporto.

   

Ad Oporto c’è anche la famosa libreria Lello che mi è piaciuta tanto, ma sinceramente me l’aspettavo molto più grande. Costo di ingresso 4€, se si compra un libro i 4€ euro vengono “inclusi” nell’importo del libro. Quindi se per esempio comprate un libro che costa 14€, pagherete solo 10. Questa libreria è considerata come una delle librerie più belle del mondo dal giornale britannico Guardian e dalla casa editrice Lonely PlanetÈ, inoltre, la seconda libreria più  antica del Portogallo. È famosa anche perché sembra che J.K. Rowling si sia ispirata ad essa per la descrizione delle scale della famosa scuola di magia di Hogwarts per la libreria a Diagon Alley.

 

Tutte le chiese che ci sono hanno l’ingresso libero, eccetto un paio che costano sui 2-3€.
Io, per esempio, non sono entrata al Palazzo della Borsa perché costava 6€ e non ne vedevo l’utilità, essendo una cosa di cui non avevo mai sentito parlare e che, sinceramente, non mi interessava molto. Accanto al palazzo della borsa c’è un mercato di cui non ho capito il senso. 😅 Sono entrata e ho scoperto che c’era un ristorante, ma non ho capito se era effettivamente un vero mercato, infatti ho fatto un paio di foto e sono uscita.

 

 

 

Avrei voluto fare un giro in barca del fiume, ma le condizioni meteo non erano delle migliori, inoltre mi sarebbe piaciuto vedere il palazzo di cristallo, ma dato che era abbastanza lontano e il tempo era quello che era non ho voluto rischiare di perdere tempo e ho voluto approfittare al massimo del centro della città.

Ho provato la franchesiña… ve la straconsiglio… (se non avete mangiato per un mese e se non avete intenzione di mangiare per tutto il mese successivo).

Il mio budget era bassissimo e il prezzo pagato lo ha rispecchiato benissimo. In totale non penso di aver speso più di 100€.

  • 30€ stanza per due notti
  • 40€ cibo (più o meno perché non ricordo i costi precisi quindi ho arrotondato per eccesso)
  • 10€ principali attrazioni (chiese ecc, sempre arrotondato per eccesso perché non mi ricordo di preciso dove ho pagato, mi ricordo di aver pagato sicuro 3€ euro per l’ingresso ad una chiesa e 4 alla libreria Lello, per il resto era tutto gratis)

Poi ovviamente è da aggiungere il prezzo del volo. Io, per esempio sono partita da Barcellona e sono arrivata a Oporto pagando sui 30€, poi sono tornata a Vigo con l’autobus, 12€. Quindi tutto sta poi nel trovare voli economici.

  

     

Social 🌊


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *