18 maggio e fase due in italia
Attualità Senza categoria

La vera fase due parte oggi, 18 maggio.

Come sarà gestita la situazione spostamenti?
Come funziona il bonus vacanze?
Norme per le strutture alberghiere.

Come sarà gestita la situazione spostamenti?

Il 4 maggio abbiamo avuto un primo approccio con la fase due, ma secondo il decreto firmato da Conte, da oggi, 18 maggio, ci saranno molti cambiamenti a livello di liberà e spostamenti.

Sarà, infatti, possibile muoversi all’interno della regione, senza autocertificazione, incontrare amci e persone che non siano necessariamente definite “congiunti”, ci si potrà anche muovere verso le seconde case (se all’interno del terriotrio).

Sarà possibile tornare a messa e a praticare tutte le altre confessioni religiose, a patto che, ovviamente si rispettino le dovute limitazioni. Le singole regioni stanno, inoltre, valutando la riapertura dei centri sportivi all’aperto come campi da calcio e tennis.

Dal 3 giugno, inoltre, saranno riaperte sia le regioni che le frontiere, quindi fino a quella data sarà vietato uscire dalla regione senza autocertificazione o per motivazioni che non siano di salute o di lavoro.
Per quanto riguarda le frontiere saranno aperte per tutti i paesi dell’area Shengen, più Svizzera e Monaco.

Come funziona il bonus vacanze?

Innanzitutto è rivolto alle famiglie con un reddito ISEE fino a 40mila euro ed è utilizzabile per i soggiorni solo a livello nazionale. La somma dipende dal numero di persone che compongono il nucleo familiare: 500 euro per le famiglie composte da 3 o più soggetti, 300 per le famiglie di due persone e 150 per le famiglie mononucleari. Il bonus potrà essere speso dal 1 luglio al 31 dicembre 2020.

Ci sono già molte controversie a riguardo. Sia da parte delle attività alberghiere che da parte delle piattaforme digitali utilizzate per prenotare.

Le strutture, infatti, si lamentano affermando che essi dovrebbero anticipare il bonus che glia sarà rimborsato dallo Stato solo successivamente.

Le piattaforme di prenotazione digitali si lamentano perchè tra le condizioni per usare il bonus è previsto che non si debbano utilizzare queste ultime.
Booking.com, Airbnb e il Codacons infatti si schierano contro questa decisione. Infatti si auspicano un cambio di posizione, soprattutto il Codacons afferma che, data la grande quantità di persone che utilizzano queste piattaforme, questa scelta porterebbe a danneggiarli.

Norme per le strutture alberghiere.

Da oggi riapriranno anche molte attività quali parrucchieri, estetisti, bar e ristoranti, attività commerciali. Ognuna di esse ha determinate norme da rispettare per poter aprire.

Per quanto riguarda le strutture alberghiere ci sono diverse regole da rispettare, molte delle quali sono comuni ad altre attività. Ne accenno qualcuna giusto per capire come sarà la situazione per chi vorrà comunque viaggiare quest’anno:
– mantenere il distanziamento di almeno un metro nelle aree comuni, prevedendo a volte percorsi differenziati, soprattutto in ingresso e uscita.
– utilizzo obbligatorio della mascherina e possibilità di misurare la temperatura all’ingresso. Se dovesse superare i 37.5° la struttura potrebbe negare l’accesso.
– si pensa di porre barriere alle reception e casse e di automatizzare processi come check in e check out e favorire i pagamenti online.
– la strutture devono garantire la sterilizzazione degli spazi e l’areazione naturale degli ambienti. Devono, inoltre, fornire soluzioni per l’igiene delle mani che devono trovarsi in diverse postazioni all’interno della struttura.

Molte decisioni previste, come apertura di negozi, bar e ristoranti sono prese anche dalla singole regioni, quindi nonostante i decreti alcuni presidenti di regione possono decidere cosa ritengono migliore per il loro territorio.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *